domenica, 16 dicembre 2018
Approfondimento

Il turn di Daniel Bryan: le ragioni e cosa dobbiamo attenderci

Approfondiamo quanto è accaduto nell'ultimo Smackdown

Come abbiamo avuto modo di vedere nell’ultimo episodio di Smackdown Live, Daniel Bryan ha effettuato un turn heel, che lo ha portato, poi, a conquistare la cintura ai danni di AJ Styles. L’ex campione stava battendo ogni sorta di record come campione WWE, dimostrandosi quasi imbattibile.

AJ Styles, forse per l’assenza dalle scene, per la verità assai lunga, dell’American Dragon, è diventato, a tutti gli effetti, il volto più rappresentativo di Smackdown e, probabilmente, il top face dell’intera compagnia.

The Phenomenal, però, proprio martedì, durante Smackdown, ha perso la cintura e, con essa, anche l’occasione di sfidare Brock Lesnar nel Champion vs. Champion Match di Survivor Series.

Il cambio al vertice è arrivato ed è stato tutto fuorché indolore. Anzi, possiamo dire di aver visto davvero qualcosa di imprevedibile e scioccante, con Daniel Bryan, da sempre idolo delle masse, adesso tra le fila degli heel.

Ma proviamo ad approfondire l’accaduto e a trovarne una spiegazione.

Bryan, storicamente si è sempre visto meglio nei panni di face, con un personaggio sempre vicino alla figura dell’underdog, eppure, stavolta, il suo turn può essere giustificato e giustificabile.

Innanzi tutto, cercando di trovare una ragione attinente alla credibilità, è indubbio che, dopo la pesante sconfitta patita da Bryan un paio di settimane fa contro lo stesso Styles, sarebbe stato difficile vedere Bryan trionfare in modo netto.

In secondo luogo bisogna guardare al roster di Smackdown, in cui i top heel della federazione risultano essere un Randy Orton ormai inaffidabile per un regno titolato, Samoa Joe che ha più volte perso contro AJ e The Miz, che, malgrado il duro lavoro, non sembra più essere considerato materiale da main event.

Ergo, c’era bisogno di un nuovo heel di punta della federazione, assodato che nelle schiere dei face, a Smackdown, si annoverano diversi idoli del pubblico, come Jeff Hardy e Rey Mysterio, certamente pronti a rimpiazzare Bryan nel ruolo di underdog amati dalle folle e comprimari ad un AJ Styles, che rimarrà il face numero uno del brand blu.

Un’altra ragione per cui si è arrivati a questo turn (e forse facciamo più riferimento al cambio di titolo) è perché la dirigenza, prevedibilmente, non voleva dare nuovamente in pasto AJ Styles a Lesnar. Brock non può perdere per ragioni pubblicitarie e fargli battere l’uomo che tiene su la baracca trecentosessantacinque giorni l’anno aveva poco senso.

Quindi, comprendiamo bene, come cambio di titolo e annesso turn heel fossero necessari e come essi possano essere una vera svolta per il futuro di Smackdown e dello Yes Man, pronto a ritornare in vetta e a far vedere di sapersela cavare in qualsiasi palcoscenico e in qualsiasi veste.

E voi? Credete nel nuovo Daniel Bryan? Approvate la decisione della WWE?

Giovanni Di Rosa
Laureato in giurisprudenza con la passione per la scrittura. Sono un appassionato di serie tv, wrestling e calcio. La mia passione per il wrestling nasce nel 2004, quando mi imbatto per pura coincidenza in un Match tra John Cena e Rene Duprèe. I miei idoli assoluti in WWE sono Charlotte Flair e AJ Styles!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi