giovedì, 20 settembre 2018
Approfondimento

Strowman-Ziggler-McIntyre, avevamo davvero bisogno di questo atipico trio?

In molti ritengono che l'alleanza tra i tre wrestler di Raw sia forzata. Non tutti però sono dello stesso avviso, scopriamo perchè

Nel mondo del wrestling le alleanze sono come il pane quotidiano. I motivi per cui diversi atleti dello stesso roster decidono di unire le proprie forze sono svariati. A volte si decide di allearsi per scalare insieme le gerarchie della categoria tag team, in altri casi ci si coalizza con altri lottatori per imporsi insieme sugli altri e per dominare nello show di appartenenza. Ci sono però delle occasioni in cui il nemico suscita paura e si opta per un’unione al fine di fronteggiarlo al meglio, oltre che per arrivare in maniera più agevole al successo.

É questo il caso delle tre superstars che stanno tentando di imporsi a Raw: Braun Strowman, Dolph Ziggler e Drew McIntyre. Questi wrestler, tanto diversi per abilità, stile di lotta ed esperienza hanno deciso di stringere un’alleanza per sfidare il ricostituito Shield. Parliamoci chiaro, questa – se vogliamo chiamarla stable – si è costituita basandosi su un cliché piuttosto banale e ripetitivo nella storia dello sport entertainment: il nemico del mio nemico è mio amico. Non perchè The Monster Among Men avesse qualcosa contro Ambrose e Rollins, oppure perchè Reigns avesse dell’astio verso i Raw Tag Team Champions, ma siccome The Hounds of Justice hanno preferito tornare insieme (complice il rientro di Dean dopo tanti mesi) hanno preferito farlo pure loro per limitare al minimo fastidiose interferenze nei rispettivi affari da parte degli alleati dei loro nemici.

Chi trae minor vantaggio da questa alleanza è senza ombra di dubbio Strowman. Il vincitore dell’ultima edizione del Men’s Money In The Bank Ladder Match ha dimostrato più volte di essere un dominatore assoluto, mai bisognoso dell’aiuto di nessuno e capace da solo di avere la meglio su qualsiasi suo oppositore. In più, The Mountain of a Man era probabilmente il più over tra le superstar di Raw e questo suo inatteso turn heel non ha giovato al suo status e ha deluso gran parte dei fan.

Al contrario, avere dalla propria parte uno come Braun, fa più che comodo a Ziggler e McIntyre. I due sono ormai una coppia consolidata, tanto da aver conquistato anche il Raw Tag Team Championship. Soprattutto per il Celtic Colossus, che la WWE vorrebbe proiettare nel main event, il fatto di essere coinvolto nella principale storyline dello show rosso, significa esser sempre più vicino a tale esaltante risultato. Per l’appunto anche lo Showoff ne trae beneficio dall’attuale situazione. Basti pensare che il titolo di coppia di Raw è la terza cintura vinta nell’arco di nove mesi. Non male per un atleta considerato poco valorizzato dalla federazione.

Che lo Shield unito sia una brutta gatta da pelare per tutti è cosa certa. L’assalto da parte di tutti gli heel dello show del lunedì notte nella puntata della settimana scorsa ne è la dimostrazione. Kevin Owens, per molto tempo umiliato in qualsiasi modo da Strowman, nell’ultimo episodio di Raw ha spiegato le ragioni che lo hanno portato ad appoggiare uno come il suo aguzzino. Poichè stanco della centralità e del dominio dei Mastini della Giustizia, si è ritrovato ad allinearsi con il suo peggior nemico, pur di porre termine a tale supremazia.

Ben venga quindi questa strana coalizione. Se è vero che l’unione fa la forza allora ben venga tutto ciò. Tuttavia se ad Hell In A Cell o quantomeno nelle prossime settimane Braun Strowman non avrà fatto suo l’Universal Championship di Roman Reigns, questa alleanza si sarà rivelata un fiasco. Non solo, a causa del turn heel la WWE avrà bruciato, o almeno limitato l’ascesa, di un ennesimo valido atleta.

Oltretutto se questa alleanza sarà prolungata e specialmente se Strowman si coronerà campione, Drew McIntyre potrebbe venire oscurato dalla luce dell’energumeno e trovarsi ancora distante da affermarsi stabilmente nelle zone alte della federazione. Ad Hell In A Cell difenderà con Dolph Ziggler le cinture dall’assalto di Rollins ed Ambrose. Se questi due dovessero trionfare e se Reigns dovesse mantenere il titolo, lo Shield conquisterebbe tutte le cinture maschili del roster, rendendo l’alleanza dei tre avversari una delusione di fine estate. A quel punto anche una vittoria nel 3 vs 3 programmato per Super Show-Down non basterebbe a risollevare le loro sorti.

A voi piace questa nuova alleanza? I tre riusciranno ad uscire campioni da Hell In A Cell?

Giovanni Damiano
Studente di Medicina e Chirurgia, polistrumentista per passione, fan sfegatato dei Green Day e tifosissimo della Juventus e del Potenza (squadra di calcio della mia città natale). Passando alle cose serie, seguo il wrestling dal 2003, fin da piccolo ho sempre amato molto maestri della tecnica quali Chris Benoit e Kurt Angle. Con il tempo ho iniziato ad apprezzare tantissimo John Cena e Chris Jericho, ma generalmente tutti gli atleti che riescono a coniugare capacità fondamentali come carisma, dimestichezza al microfono e abilità nell'esecuzione delle mosse.