mercoledì, 15 agosto 2018
Post show

La noia è la vera protagonista di Raw

Nelle ultime settimane abbiamo assistito a puntate senza infamia e senza lode, eccezion fatta per lo scempio chiamato Raw 25: purtroppo la mediocrità continua anche questa settimana, con qualche virgola di creatività in più, ma che rimane dosata con il contagocce.

Due rivali si ritroveranno nella struttura infernale: Roman Reigns e The Miz si sono qualificati all’Elimination Chamber Match, sconfiggendo rispettivamente Bray Wyatt e Apollo Crews. L’ultimo posto nel match è ancora in ballo, e verrà assegnato tramite ripescaggio: nella prossima puntata Wyatt, Crews, “Woken” Matt Hardy e Finn Bàlor si affronteranno in un Fatal 4 Way Match che determinerà il sesto partecipante alla contesa.

Un po’ di caos lo troviamo anche nella divisione femminile: Sasha Banks, Bayley, Mickie James, Sonya Deville e Mandy Rose entreranno nell’Elimination Chamber Match insieme ad Alexa Bliss, il cui promo ha riscosso numerosi consensi potivi: la Bliss ha chiesto il motivo per cui fosse costretta a difendere il titolo nella Chamber a dispetto del suo corrispettivo campione maschile Brock Lesnar, di fronte a un impacciato Kurt Angle, ottenendo anche una buona reazione del pubblico. Grande assente tra le sei Nia Jax, alla quale è stata concessa un’opportunità ben più ghiotta: al pay-per-view affronterà Asuka, con in palio una title shot a WrestleMania in caso di vittoria (non sottrarrá l’opportunità ad Asuka, sarà solamente aggiunta alla contesa).

La liaison tra Seth Rollins e Jason Jordan è finalmente giunta al termine, in circostanze sfortunate – si vocifera di un anno di stop per il “figlio” di Kurt Angle – ma che finalmente possono permettere a The Architect di puntare in alto… in attesa del ritorno di Dean Ambrose, si intende. Un vero peccato per Jordan che finalmente stava iniziando a prender confidenza con il suo personaggio, ma almeno ora la smetterà di far scattare la squalifica nei match una volta sì e l’altra pure.

Degno di nota il main event, che vede John Cena, Braun Strowman ed Elias affrontarsi per decidere chi entrerà per ultimo nell’Elimination Chamber Match. Incredibilmente è The Drifter a spuntarla, una scelta che fa capire quanto la dirigenza vuole investire nel ragazzo, anche se sappiamo già chi vincerà l’incontro.

La puntata è stata caratterizzata da un buon lottato, ma le storylines continuano a rimanere ferme, e sinceramente un paio di passi alla volta non sono sufficienti per generare interesse, specie se sono per lo più telefonate. Dov’è Samoa Joe quando serve?

Matteo Galeazzi
Be like no one.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi