lunedì, 28 maggio 2018
Post show

Smackdown è diventata la casa delle controversie

Opportunità, una parola che si lega fin troppo bene con il fondamento di Smackdown Live: fin dall’inizio i piani alti del roster, Shane McMahon e Daniel Bryan hanno voluto basare il loro operato su quella parola, garantendo una chance a chiunque avesse provato di meritarla.

Ma negli ultimi tempi ha preso piede, e non poco, un’altra parola in quel dello show azzurro: controversia. Vuoi per una svista, vuoi per una ripicca, vuoi perché puoi permettertelo, ma negli ultimi tempi a Smackdown Live non regna più quel senso di chiarezza, di legittimità con il quale si era partiti. Ma a chi se ne può attribuire la colpa? A Kevin Owens, che da ormai sei mesi ha preso una chiara posizione contro la famiglia McMahon? A Sami Zayn, che sul punto più critico del Hell in a Cell Match tra Owens e Shane ha agito con il cuore e non con la testa, salvando la vita al suo migliore amico? A Daniel Bryan, che nelle ultime settimane ha intrapreso un ruolo da mattatore, prendendo decisioni come e quando gli andava, e in certe occasioni anche a favore di chi gli rema contro? O proprio a quel Shane o’Mac, che ai primi screzi con Owens risultava essere nel giusto, ma che col passare del tempo ha iniziato a oltrepassare la stessa linea da lui tracciata?

Perché diciamocelo, la bruciante sconfitta alla Royal Rumble contro AJ Styles è stata l’ennesima goccia in un oceano che è ormai ben pieno, e se il Commissioner chiude volutamente un occhio quando per una volta il duo canadese è in piena ragione, la situazione non può che peggiorare. Ma anche stavolta Daniel Bryan ha una soluzione: i due compari si affronteranno tra sette giorni, e il vincitore sfiderà il WWE Champion a Fastlane. Una situazione che sicuramente porterà nel tempo a dividerli, forse un po’ troppo prematuramente, ma che per questa serata li vedrá ancora uniti.
Per altri, invece, la Royal Rumble è stato un evento che ha portato bene: Shinsuke Nakamura, vincitore della rissa reale, ha scelto di affrontare AJ Styles a WrestleMania, regalandoci un dream match di tutto rispetto, che tutti sognavamo di vedere sin da quando i due hanno firmato per la WWE a gennaio 2016. Nel main event della serata, il nipponico lottatore ha fatto coppia proprio con il WWE Champion, sconfiggendo il sopracitato duo Owens/Zayn. Due team sicuramente instabili, specie in vista degli eventi futuri: da un lato due che si affronteranno al più grande evento dell’anno, dall’altro due che si affronteranno tra una settimana in un incontro che molto probabilmente porterà ben poco di buono alla loro ritrovata alleanza.
Ben poco di buono lo possiamo trovare, con grande rammarico, anche nella divisione tag team: siamo di fronte ai migliori campioni di coppia degli ultimi anni, che ha saputo reinventarsi e mettere a tacere qualsiasi critica. Ma il resto? Breezango e Ascension decisamente non pervenuti, Hype Bros splittati senza tante spiegazioni e con ben pochi risultati, Benjamin e Gable che non riescono mai a concretizzare nulla. Saranno davvero i Bludgeon Brothers la ventata fresca nella categoria, o dovremmo aspettare il post-WrestleMania per vedere gli Authors of Pain?

In chiusura non posso che ripetere nuovamente il concetto sul mid-carding: a poche ore dallo show Daniel Bryan ha annunciato un sistema di ranking per attribuire title shot e match di cartello ai migliori lottatori, e in puntata ci presentano un Fatal 4 Way totalmente a caso per decretare lo sfidante di Bobby Roode? A questo punto posso solo sperare che la prossima settimana – come succede giá ogni giorno, ma ancor più martedì prossimo – avremo un Rusev Day decisivo.
Che poi, cosa vuole Ronda Rousey dalla WWE, se non qualche milioncino e un match titolato a WrestleMania?
Matteo Galeazzi
Be like no one.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi