CONDIVIDI

Tornando indietro al primo ‘Stone Cold Podcast‘ andato in onda sul WWE Network, l’ospite di Steve Austin, ovvero Vince McMahon, il Chairman e CEO della WWE, disse che l’ultima Superstar ad aver afferrato il proverbiale “brass ring” è stato John Cena. Il 15 volte Campione del Mondo è stato con ampio margine il maggior performer che la compagnia abbia visto nel suo roster nel corso dell’ultimo decennio. Vince ha deciso tempo fa che Roman Reigns sarebbe stato il successore di Cena, ma la reazione degli appassionati è differente da ciò che McMahon si aspettava.

Vince McMahon ha scelto Roman Reigns come nuovo volto della federazione per dare il via a questa transizione verso la “Nuova Era” iniziata a fine 2014/inizio 2015.

Vince ed altri dirigenti della WWE scelsero Roman Reigns come vincitore della Royal Rumble 2015 e, successivamente, main eventer delle ultime due edizioni di WrestleMania. Queste decisioni erano trapelate qualche mese prima, ma, nonostante i fan fossero chiaramente contrariati all’idea, loro hanno proseguito per la loro strada.

I fan si sono rivoltati contro Roman Reigns fin da subito, ma lui è comunque stato protagonista di due main event di WrestleMania consecutivi ed è ancora in possesso del suo titolo che difenderà domenica al pay-per-view WWE Extreme Rules. Vince McMahon sembra non abbia seguito il suo stesso consiglio; durante quel memorabile podcast con Steve Austin, McMahon rilasciò un’importante dichiarazione.

«Il pubblico decide le sorti di una star. Tu fai tutto il possibile, poni tutte le risorse del mondo su qualcuno. Ma se il pubblico non vuole che qualcuno diventi una star, non crede in lui, o in lei? Questo non funzionerebbe.»

Vince McMahon Roman Reigns

Vince non si riferiva a nessuna Superstar in particolare, ma la WWE sta provando duramente a rendere Roman Reigns il campione che i fan possono tifare. Ma quest’ultimi chiaramente “non credono in lui” e “non vogliono che lui sia una star.” A questo punto, stando a quanto riportato da Daily Wrestling News, Vince McMahon sarebbe finalmente disposto ad ascoltare coloro che esprimono il loro disappunto verso la direzione del main eventer. Vince potrebbe del tutto mettere un freno al “Roman Empire,” il che porterebbe inevitabilmente a dei cambiamenti in cima alla card. Ma c’è almeno un’illustre figura nel backstage che si oppone a Vince in questo caso.

Triple H è ancora dalla parte di Roman Reigns e vuole che la compagnia continui a forzare il suo push nella sua attuale posizione da WWE World Heavyweight Champion. Comprensibilmente, “The King of Kings” vuole che Reigns prosegua il suo cammino, per il semplice fatto che Triple H abbia messo tutto ciò che poteva al fine di innalzare Reigns durante il loro feud in cui la WWE ha investito tanto, e che è culminato nel main event della più grande WrestleMania della storia. Hunter non vuole che tutto quel lavoro vada perso solamente perché Vince McMahon crede che sia risultato un fallimento.

Vince McMahon Roman Reigns 3

Questo non significa necessariamente che AJ Styles vincerà domenica ad Extreme Rules. Infatti, Inquisitr ha riportato che il piano Reigns/Styles passerà da Extreme Rules e giungerà al capolinea in occasione del prossimo pay-per-view, WWE Money in the Bank, che si svolgerà a giugno. Vince potrebbe facilmente decidere di assegnare la cintura a Styles, comunque, e lasciare intatti i piani concedendo a Reigns il legittimo rematch.

Ad ogni modo, se Styles non fosse la soluzione, Mr. McMahon potrebbe affidarsi ad un altro esordiente. Se Vince dovesse seguire la sua idea con Reigns, chiamerebbe stelle del calibro di Finn Bálor, Shinsuke Nakamura e Samoa Joe nel main roster, magari prima di quanto pianificato originariamente. Paradossalmente, queste sono tre delle tante star che Triple H ha reso le principali attrazioni di NXT, il brand che deve la maggior parte del suo successo proprio a “The Game.”

  • Giordi Facchinetti

    Quante cazzate